Minirotaie

Regarding life course and its intersections

In effetti su una cosa io e Manuel eravamo d’accordo. Nessuno dei due quella sera aveva voglia di cucinare. Lui veniva in Italia solo per poche settimane in estate, ma il posto dove mi ha portato lo conosceva abbastanza bene, come se fosse un cliente abituale. Io, pur abitando non troppo lontano da qui, non …

Continua a leggere

A un tratto ho dato un’occhiata al cellulare. L’ho scorso, tra i vari messaggi che avevo ancora in memoria. Niente. Poi ho fatto una verifica anche tra le e-mail. Erano molte di più, quindi non sono stata troppo a guardare, giusto il mittente e l’oggetto, senza entrare nei dettagli del contenuto. Ma niente anche lì. …

Continua a leggere

Manuel parcheggia la moto, una Honda un po’ impolverata, accanto alla macchina di mia madre che, per l’evenienza, in questi giorni guido io. «Le dovresti dare una ripulita» gli dico senza mezzi termini, indicandola. Lui ammette. «È vero. Ha un po’ di anni, ma ancora funziona bene». In effetti, quando Manuel mi si metteva accanto …

Continua a leggere

Se c’è una cosa che adesso proprio non mi va è di discutere. Mio marito è fatto di coccio: gli ho chiesto espressamente, in questi giorni, di prendersi cura di Francesco mentre sono al mare, e di lasciarmi fare “la figlia”. Sia perché è il mio compito, sia perché lo devo fare impegnando il 100% …

Continua a leggere

Mio fratello Angelo, di cui ancora non vi ho parlato, sbaglia sempre i tempi. E forse è questo il motivo per cui non ve ne ho mai parlato. Ha 5 anni meno di me, vive ad Aosta, è ingegnere ed è sposato con una valdostana. E quando si tratta di essere precisi, puntuali come solo …

Continua a leggere

La mattina dopo mio padre aveva già subìto l’intervento. Un’operazione di routine, così almeno ci aveva rassicurato il primario, della cui riuscita non aveva il minimo dubbio. L’ultima, uguale, l’aveva eseguita proprio il giorno prima. Cambiava solo il lato del femore: oggi il sinistro (di mio padre), ieri il destro (dell’altro tizio). Quando lui rientrò …

Continua a leggere

Finalmente ero riuscita a trovare il telefono. Nascosto in fondo alla borsa del mare, che in quel momento era abbandonata all’ingresso di casa. Guardai il display: mia madre. Ma mia madre non chiama mai, lo faccio sempre io. E poi stava chiamando dal suo cellulare. Ma che cazzo stava succedendo. «Pronto mamma?» aggredii subito la …

Continua a leggere