Minirotaie

Regarding life course and its intersections

Quel pomeriggio di qualche giorno dopo tornai a casa prima del solito. Non mi ricordo esattamente come mai. Sapevo solo che avevo una montagna di cose da fare a casa. Principalmente lavatrici e ferro da stiro: colpa di Marisol, che si era data malata il giorno prima. Francesco intanto avrebbe passato il dopo scuola a …

Continua a leggere

Quella mattina tutto era filato liscio come programmato. Sono una brava organizzatrice, lo sapete? Ma per fortuna mio marito è un altrettanto bravo collaboratore. Avevamo entrambi tante cose da fare e poco tempo a disposizione. Il cane da portare fuori, la spesa, la colazione. Lui poi con la macchina da far lavare e io, invece, …

Continua a leggere

A questo punto devo però precisare. Perché altrimenti tutto prende una deriva che non posso accettare e soprattutto non mi merito. Se è vero infatti che sono la classica donna italiana, con le classiche fattezze estetiche; e la classica madre di famiglia, con i classici ritmi da madre di famiglia, allora è ugualmente vero che …

Continua a leggere

Qui il tema si fa un po’ più incandescente. E forse si intuisce già dal titolo dove voglio andare a parare. Ma nonostante il vostro intuito possa averci azzeccato, il senso che voglio dare a quanto sto per dire va da tutt’altra parte. E la cosa la riassumo così. Io e Maurizio stiamo insieme da …

Continua a leggere

La crema di ceci stavolta non l’avevano ben mantecata. «C’è qualcosa che non va, non gli è riuscita bene allo chef» faccio alla mia amica-collega Melania. «Ci sono dentro ancora dei pezzi di ceci» finisco di dire mentre mastico un bastoncino di carota che ci avevano portato per accompagnare i due Spritz. «Sei più polemica …

Continua a leggere

«Hai dato l’acqua alle piante?» gli chiedo dopo il mezzo sorriso con cui avevo notato la cena quasi pronta in un angolo della cucina. Filetto di maiale in crosta, fagiolini cotti al vapore da condire con aceto balsamico, un paio di formaggi stagionati dove aggiungere miele di castagno. Macedonia finale. Io, un mezzo sorriso. «Hey, …

Continua a leggere

C’è solo un attimo, un frammento di tempo quasi impercettibile, dove io sono bravissima. Prendo aria, chiudo gli occhi, e lascio libero il pensiero in preda alla più totale follia. Lo so. Nella vita reale non mi appartiene poi così tanto. Altrimenti anch’io sarei stata molto più imprevedibile in tante occasioni che mi hanno semplicemente …

Continua a leggere