Minirotaie

Regarding life course and its intersections

L’ignoto spaventa, è ovvio. E il non-sapere-cosa-ti-aspetta. E’ ciò che trovi dietro una porta sapendo che quello che hai, se non perfetto come vorresti tu, comunque va bene. E’ una specie di assuefazione. Ma credo che tutto questo non sia quello ciò che ci spaventa di più. Di certo, i pilastri che dovrebbero sorreggere il …

Continua a leggere

La mattina dopo mio padre aveva già subìto l’intervento. Un’operazione di routine, così almeno ci aveva rassicurato il primario, della cui riuscita non aveva il minimo dubbio. L’ultima, uguale, l’aveva eseguita proprio il giorno prima. Cambiava solo il lato del femore: oggi il sinistro (di mio padre), ieri il destro (dell’altro tizio). Quando lui rientrò …

Continua a leggere

Quel pomeriggio di qualche giorno dopo tornai a casa prima del solito. Non mi ricordo esattamente come mai. Sapevo solo che avevo una montagna di cose da fare a casa. Principalmente lavatrici e ferro da stiro: colpa di Marisol, che si era data malata il giorno prima. Francesco intanto avrebbe passato il dopo scuola a …

Continua a leggere

Un pensiero per questa terra che, sappiamo bene, rappresenta la natura, la sua forza prorompente. Credo che niente possa essere precluso a ciò che è naturale. Solo il coraggio e la lungimiranza possono fare qualcosa. Davanti a me, qualche giorno fa in Alto Adige, si erigeva una catena montuosa di più 3.000 metri. Potente, bella, impassibile verso …

Continua a leggere

Una volta ho sentito dire, riferendosi a una mia amica, che quella donna era “un bel vestito sopra una stampella”. Potevo essere d’accordo o meno, non è questo il punto. Mi chiedo invece quanto sia facile, davvero, capire cosa siamo sotto sotto. Se si toglie tutto, i pensieri, la paura del giudizio altrui, il timore di essere …

Continua a leggere

Mi ricordo di quando, in una lezione di comunicazione di crisi di tanti anni fa, il professore ci spiegò che, per un’azienda che aveva attraversato un momento di forte difficoltà che aveva disintegrato, in pochi giorni, la reputazione costruita in anni, si poteva fare solo una cosa. Sparire. Stare in silenzio per un po’. E …

Continua a leggere

Gli occhi non possono sempre essere aperti. Guardare, vigilare. Controllare. Soprattutto confessare. Gli occhi possono far parlare l’anima. Ecco perché detengono sempre un segreto inconfessabile. L’anima, è un segreto inconfessabile. Non è una questione (solo) di luce, è una questione di quale parte, della tua vita, meritano di vivere gli altri. Allora la scelta non …

Continua a leggere